Libri

West di Carys Davies

Pubblicato il

Scrivere del West per un non americano è sempre un’operazione rischiosa e dai dubbi risultati. Non è così per la gallese Carys Davies, che vive in Inghilterra, che con il suo primo romanzo, per l’appunto, West riesce nell’impresa di restituirci il senso di sterminato mistero di un territorio, largamente inesplorato intorno al 1820, tempo nel quale è ambientata la storia del romanzo di esordio della scrittrice.

West è la storia di un viaggio che si dipana sia spazialmente sia nell’animo irrequieto del protagonista. Cy Belman è un colono che proviene dall’Inghilterra e che ha messo radici in un villaggio del Kentucky. Dopo aver perso la moglie, vive con la figlia di dieci anni Bess e Julie una sorella zitella ed ossuta. Un giorno Belman legge sul giornale locale del ritrovamento di ossa gigantesche probabilmente appartenute a misteriosi animali rinvenute nel West del paese. Questa notizia è come un detonatore, Cy sente l’insopprimibile esigenza di partire verso l’Ovest alla ricerca di questi mastodontici animali. Lascia la fattoria alla sorella a cui affida la piccola Bess e inizia un viaggio che si trasforma ben presto in un’epopea interiore. Mentre Bess segue l’itinerario del padre rintanata in biblioteca e fantastica sulle sue avventure, Cy procede scortato da un giovane ragazzo indiano smilzo e basso chiamato Donna Vecchia Vista Da Lontano. Il loro è un viaggio di silenzi ed equivoci, verso qualcosa che forse non c’è.

La scrittura minimalista della Davies, dalla grande potenza evocativa, ci conduce verso un finale drammatico nel quale il giovane indiano giocherà un ruolo fondamentale. West in Italia è pubblicato dalla Bompiani e le sue 152 pagine si divorano in poco più due ore.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.