Il 7 novembre 1938 un diciassettenne polacco di nome Herschel Grynszpan, cresciuto in Germania ma residente a Parigi, venne a sapere che tra gli ebrei deportati dai nazisti in Polonia c’erano anche i suoi genitori. Accecato dalla rabbia, procuratosi una pistola, si reca all’Ambasciata tedesca e spara al primo diplomaticoContinue Reading