Il relitto di Uluburun

Il più importante relitto navale di tutti i tempi fu scoperto nel 1982, al largo della Turchia sud-occidentale da un pescatore di spugne diciassettenne che emerse dal mare color del vino, dicendo al capitano che aveva visto un «biscotto di metallo con le orecchie». Si trattava di un lingotto a pelle di bue in rame. Era stato scoperto il relitto di Uluburun, una delle scoperte archeologiche più importanti di sempre.

La nave era affondata intorno al 1300 a.e.v. zeppa di materie prime, tra cui rame, stagno, avorio e vetro grezzo, oltre a prodotti finiti come ceramiche provenienti da Cipro e Canaan, e getta luce sul commercio e sui rapporti internazionali in corso più di tremila anni fa.

Il piccolo vascello era lungo tra i 15 ed i 16 metri. Si sa che era stato costruito col metodo del “prima lo scafo” con giunti simili a quelli greco-romani dei secoli successivi. I resti si trovavano tra i 42 ed i 52 metri di profondità su un piano roccioso in pendenza pieno di banchi di sabbia. Gli scavi furono eseguiti per oltre un decennio da George Bass, padre dell’archeologia subacquea, e Cemal Pulak, dapprima studente di Bass e oggi suo collega presso l’Institute for Nautical Archaeology della Texas A&M University.

I lavori sul relitto di Uluburun ebbero inizio seriamente nell’estate del 1984, sotto la guida di Bass, che l’anno successivo lasciò la direzione del progetto a Cemal Pulak. Da allora fino al 1994, sono stati portati avanti quasi ogni estate da archeologi professionisti e dottorandi entusiasti. Si immergevano sul relitto ogni giorno, due volte ciascuno, ma trascorrendo sul fondale solo una ventina di minuti. Per i subacquei, la decompressione rappresentava un notevole rischio fisico, e da quella profondità richiedeva molto tempo. Per ingannare l’attesa, cominciarono a leggere romanzi legati a una corda, quando erano abbastanza vicini alla superficie da avere luce a sufficienza. In totale, in quei dieci anni hanno lavorato per oltre 6600 ore all’esplorazione del relitto, immergendosi più di ventiduemila volte.

La datazione precisa dell’affondamento del relitto di Ulubarun è stata verificata attraverso quattro metodi diversi: a bordo è stato rinvenuto uno scarabeo d’oro con il nome della regina Nefertiti, che regnò insieme al faraone Akhenaton verso il 1350 a.e.v., ragion per cui l’affondamento non può essersi verificato prima di questo periodo. A questa prima prova si aggiungono la “misurazione” del legno dello scafo con il metodo della dendrocronologia, il particolare stile della ceramica minoica micenea trasportata e la datazione effettuata con la tecnica del carbonio 14.

Tutti questi elementi indicano che la nave sia affondata pressappoco nel 1300 a.e.v., una trentina d’anni dopo la sepoltura di re Tutankhamon in Egitto e forse qualche decennio prima della guerra di Troia. L’enormità del carico trasportato ne fa il relitto navale più importante mai recuperato fino ad oggi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.