Il servizio da tè di Mrs. Ferguson e l’entrata in guerra del Giappone

E’  l’11 novembre  1940, il piroscafo Automedon un modesto mercantile britannico di 7528 tonnellate, segue una  rotta in direzione di Penang, in un tratto  dell’Oceano Indiano, a ovest  di Sumatra, molto  lontano da ogni teatro attivo di guerra.  

Nonostante questa rotta  prudente alle 7  di mattina di quel giorno di novembre viene avvistata una nave in rotta di avvicinamento. Il capitano  William Ewan,  un uomo  di mare molto  esperto,  scruta ansiosamente con il  binocolo la  sagoma di quello che apparentemente sembra  un transatlantico. A circa un miglio nautico di distanza un colpo  di avvertimento e la  segnalazione effettuate con il  codice internazionale  delle bandiere rende evidente la gravità  della  situazione a Ewan ed all’intero equipaggio dell’Automedon. 

Chi attaccava  il mercantile britannico  con la  stiva colma di velivoli, automobili, parti di macchinari, uniformi militari, sigarette, whisky e ben 6 milioni di valuta pregiata è la  nave corsara tedesca Atlantis.  L’incontro delle due navi in quel tratto solitario dell’Oceano Indiano non era però frutto del caso. Il capitano dell’Atlantis, il quarantunenne Bernhard  Rogge lo scorso 11 luglio si era  impadronito  di una serie di codici della  marina britannica in seguito alla  cattura di  un mercantile  inglese.

Il coraggioso capitano Ewan tentò una manovra evasiva, preparandosi al contempo al  combattimento (l’Automedon aveva  in dotazione un singolo, vecchio  cannone da 4 pollici), l’Atlantis invece era  armata con 5 cannoni da 5,9 pollici ed un moderno sistema  di controllo del  tiro. 

Fu sufficiente una serie di scariche ben centrate per rendere  la struttura dell’Automedon un groviglio contorto di macerie e uccidere e ferire una ventina di membri dell’equipaggio. Tra le vittime c’era anche  l’intrepido capitano Ewan.  I tedeschi fecero calare una squadra d’abbordaggio che si impossessò facilmente del  mercantile britannico gravemente danneggiato.

I corsari nazisti  mentre  trasferivano  sigarette, alcool e carne congelata dall’Automedon alla nave corsara, fecero saltare la cassaforte  impossessandosi del  denaro,  ma soprattutto di una serie di preziosi documenti riservati. Il comandante Rogge fece  trasferire l’equipaggio  ed i passeggeri del  mercantile britannico sull’Atlantis dove vennero trattati in modo impeccabile  per i successivi otto mesi di navigazione.  Insieme all’equipaggio i tedeschi catturarono anche tre passeggeri, tra cui: un ingegnere inglese Alex Ferguson e sua moglie,  la trentatreenne Violet, diretti a Singapore.

La signora Ferguson che aveva avuto una vita piuttosto tribolata e nel giugno del 1940 era fuggita miracolosamente dalla Francia invasa dai nazisti con l’ultimo traghetto  partito da Bordeaux, supplicò il capitano Rogge di recuperare prima dell’affondamento dell’Automedon le sue due valige che contenevano tutti i suoi beni tra cui un prezioso servizio da tè. 

Il  capitano tedesco era un gentiluomo e mosso a compassione ordinò ad un suo ufficiale di tentare il recupero dei bagagli della  signora Ferguson prima di abbandonare la nave inglese ormai in procinto di affondare.

Fu così che oltre a ritrovare il bagaglio di Violet ed il suo prezioso servizio da tè, l’ufficiale  tedesco scoprì e requisì alcuni sacchi di posta con comunicazioni riservate e di servizio che portò a bordo dell’Atlantis.

Mentre la nave corsara si allontanava rapidamente dal luogo dell’agguato e l’Automedon veniva inghiottita dai flutti dell’oceano, Rogge ed i suoi ufficiali si resero conto di aver messo le mani su materiale prezioso destinato agli avamposti militari e dell’intelligence inglese nell’Estremo Oriente.

Tra questi spiccava il report di una riunione del gabinetto di guerra inglese del’8 giugno 1940 nel quale si descriveva la situazione strategica dell’impero britannico in Asia confermando l’impossibilità di resistere ad un eventuale  attacco giapponese.

Rogge capì l’importanza del materiale catturato e fece in modo che arrivasse tramite un altro battello a Kobe, nel neutrale Giappone, il 5 dicembre del 1940. I documenti furono  quindi presi in carico dall’addetto navale dell’ambasciata tedesca a Tokyo Paul Wenneker che dopo averli esaminati ed inviato un cablogramma a Berlino, li fece pervenire in Germania, attraverso un  ufficiale che utilizzerà la transiberiana per giungere fino alla capitale del Reich.

Berlino decise quindi che il  memorandum del gabinetto di guerra inglese era un ottimo strumento per spingere il  Giappone a prendere parte attiva alla guerra, a fianco dell’Asse, e quindi ordinò a Wenneker di consegnarlo alle autorità nipponiche senza rivelare  però il modo con il quale era stato ottenuto.

Il 12 dicembre Wenneker portò personalmente i documenti riservati al vice di Yamamoto,  l’ammiraglio di squadra Nobutake Kondo che rimase letteralmente sbalordito. Senza attribuire esclusivamente a questo memorandum il merito del cambio di politica del Sol Levante,  è indubbio che il possesso di queste informazioni riservate che dipingevano la situazione britannica in Asia come disperata, anticiperà la decisione del Giappone di entrare in guerra a fianco della Germania nazista.

Quale fu la fine dei Ferguson che senza volerlo avevano giocato un ruolo non secondario in  tutta  questa vicenda? Alan e Violet Ferguson passarono diversi anni internati come prigionieri ma arrivarono vivi alla fine del conflitto. Ed il famoso servizio da tè, fu miracolosamente recuperato intatto dai soldati britannici nel  1945 e raggiunse quindi, l’anno dopo, la legittima proprietaria a Singapore.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.