La controversa relazione tra Aristotele e Alessandro

Aristotele nacque probabilmente nel 384 a.c. a Stagira in Tracia. Suo padre Nicomaco aveva ereditato il titolo di medico personale del Re di Macedonia. A circa 18 anni si trasferisce ad Atene e diviene allievo di Platone. Rimase nell’Accademia del filosofo ateniese per circa venti anni fino alla morte di Platone nel 348/347 a.C. dopo deluso, perchè a capo della scuola si impone Speusippo, nipote di Platone, che Aristotele riteneva indegno di un cosi grande onore, intraprese una serie di viaggi.
Durante uno di questi sposò ad Atameo la figlia o la nipote del tiranno Ermia.
Nel 343 a.C. si reca alla corte di Filippo, il re macedone e diviene il precettore del tredicenne Alessandro, finchè il giovane, futuro condottiero, a 16 anni viene dichiarato dal padre maggiorenne.
Purtroppo non siamo a conoscenza dell’esatta natura dei rapporti tra Aristotele ed Alessandro, ben presto su di essi si svilupparono una serie di leggende, alcune effettivamente improbabili. Ci sono delle lettere scambiate tra i due che però sono ritenute dagli studiosi, generalmente, dei falsi.
Sappiamo che il carattere di Alessandro non era dei migliori, arrogante, crudele, superstizioso, dedito ai piacere dell’alcool e della carne purtuttavia i rapporti tra i due, in quei tre anni, permisero al futuro condottiero macedone di esportare nel mondo la cultura ellenica di cui si era imbevuto durante l’adolescenza.
Il giovane Alessandro era inoltre un uomo molto ambizioso, spesso in contrasto con il padre Filippo, e probabilmente poco incline a seguire gli insegnamenti di una qualunque autorità.
Molti studiosi ritengono che l’influenza di Aristotele su Alessandro sia stata praticamente nulla cosa per altro reciproca. Aristotele dal punto di vista politico era ancora convinto della centralità delle Città/Stato mentre la Storia volgeva ormai a favore degli Imperi. Alla luce di quanto sopra i rapporti tra questi due grandi personaggi sembrano essere stati sostanzialmente infruttuosi, e mentre Alessandro Magno iniziava il travolgente cammino delle sue conquiste, Aristotele si trasferi’ di nuovo ad Atene dove nel 323 a.C. fu raggiunto dalla notizia della morte del suo ex allievo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.