Non è un capello ma un crine di cavallo

Il cavallo primitivo ha popolato le grandi steppe euroasiatiche circa 2,4 milioni di anni fa. Esso ha dato vita a due sotto specie: il tarpan ed il cavallo di Przewalski noto anche come pony della Mongolia.
La speciazione dei due diversi tipi di equini avvenne per separazione geografica, il tarpan ad ovest della catena degli Urali, il cavallo di Przwalski ad est.
Il tarpan era un cavallo tozzo, con le gambe corte, probabilmente di colore grigio scuro con le estremità delle zampe quasi nere. Viveva in piccoli branchi guidati da un maschio alfa, con alcune giumente e puledri al seguito.
Il carattere del tarpan doveva essere piuttosto socievole, perchè pare che proprio da questa sotto specie derivi il cavallo domestico. Infatti secondo alcuni studi la domesticazione del cavallo risalirebbe a circa 5500 anni fa in Kazakistan presso la cultura Botai.
La domesticazione del cavallo rappresentò una svolta epocale per gli uomini, non soltanto gli spostamenti migratori ne risultarono estremamente facilitati, ma anche la dieta subi’ un’importante evoluzione. I ricercatori hanno rinvenuto evidenti tracce di lipidi sulle pareti di numerosi contenitori di ceramica Botai, che, in seguito ad un’approfondita analisi, sono stati identificati come costituenti del latte di cavalla. Queste popolazioni non utilizzavano per scopi alimentari solo la carne, ma anche il latte, che veniva contenuto e consumato all’interno di recipienti di ceramica.
Il cavallo di Przwalski che somigliava più ad un asino, era alto al garrese circa 120-130 cm, e possedeva un carattere decisamente meno “amichevole”. Il takhi questo è il nome attribuito loro dai mongoli ha resistito ad ogni forma di domesticazione, vivendo selvaggio nelle brulle steppe dell’Asia mongolica, anch’esso in piccoli branchi guidati da un maschio dominante.
Ancora oggi è però aperta la discussione scientifica se il tarpan, il cavallo di Przwalski ed il cavallo domestico (equus ferus caballus) siano tre sottospecie di una stessa specie o tre specie completamente diverse.

nella foto il tarpan

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.