The Leftovers

Le tre stagioni che compongono questa serie tratta da un romanzo di Tom Perrotta ed ideata dallo stesso autore e dallo showrunner di “LOST” Damon Lindelof sono passate piuttosto in sordina in Italia. Eppure si tratta di un prodotto di alta qualità narrativa ed in grado di mescolare generi e temi con una sapienza ed un ritmo in grado di spiazzare ripetutamente il telespettatore.
Trasmessa dal 29 giugno 2014 al 4 giugno 2017 sul network HBO ed in Italia su Sky Atlantic dal 17 luglio 2014 al 4 luglio 2017 la serie prende l’avvio da un fatto drammatico quanto inspiegabile un giorno di ottobre, improvvisamente, il 2% della popolazione mondiale (140 milioni di persone) scompare in un solo istante. Alcuni si convincono che la Terra sia stata colpita dal “Rapimento della Chiesa”, altri rifiutano di vederlo come un evento mistico, ma nessuno, in realtà, sa veramente cosa sia accaduto. La serie ha inizio tre anni dopo l’evento, seguendo le vicende della piccola comunità di Mapleton, dove sono scomparsi nel nulla oltre cento abitanti.
Incasellare in un genere The Leftovers è praticamente impossibile, in questo senso ricorda molto grazie a Lindelof “Lost” serie che ha saputo mescolare e scomporrere generi diversi (fantascienza, horror, thriller, drama).
La serie non si presta a nessun facile gioco narrativo, anzi lascia continuamente spiazzati i telespettatori che nelle 28 puntate che la compongono trovano più domande che risposte.
I fili da seguire sono infatti numerosi e ci sono incroci, collegamenti, salti temporali e di scena anche molto frenetici. Ma questo rende ancora più appassionante una serie i cui episodi sono sempre imprevedibili.
L’equilibrio tra realismo e soprannaturale corre sempre su un filo sottile che però non si spezza e mantiene incollati allo schermo.
Punto forte è la grande capacità introspettiva dei personaggi principali, scandagliati e vivisezionati dagli autori senza alcun riguardo.
Molti i temi affrontati da The Leftovers tra questi particolarmente d’attualità il fanatismo mistico-religioso con il suo potere di travolgere esistenze normali, trasformando persone tranquille in aguzzini. Una menzione speciale alla colonna sonora struggente quanto accattivante.
Insomma per chi ama un prodotto impegnativo ma certamente di elevato standard qualitativo merita gettarsi in un binge watching delle tre stagioni che compongono la serie attualmente ancora disponibile su Sky.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.