Con le peggiori intenzioni

2005. Aleesandro Piperno, un giovane professore di francese (ha 33 anni all’epoca) dell’Università di Roma Tre pubblica il suo primo romanzo “Con le peggiori intenzioni”. Il libro esce a febbraio e vende in due settimane quasi 85.000 copie, arrivando a fine 2006 ad oltre 230.000 copie vendute complessivamente.
La critica si divide nettamente sul valore del romanzo, c’è chi lo esalta e chi lo stronca senza alcun riguardo.
Premio Campiello Opera Prima 2005, il libro racconta l’irresistibile ascesa e l’inevitabile decadenza dei Sonnino, facoltosa famiglia di ebrei romani, e dei loro amici, sodali, fiancheggiatori e nemici. Dallo sregolato, epico nonno Bepy al disorientato, sgangherato e perplesso nipote Daniel passano le generazioni, le epoche, i pezzi di storia italiana, dagli anni del boom economico agli anni Ottanta.
Saga familiare nei quali emergono personaggi ben delineati e intriganti il romanzo, anche se non è il capolavoro che una parte della critica indicava nell’anno della sua uscita, merita senz’altro una lettura.

[amazon_link asins=’8804595078′ template=’ProductCarousel’ store=’largoesplecon-21′ marketplace=’IT’ link_id=’ba97f083-ea67-11e7-8ff3-4b7ccb4f0124′]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.