Layala

Dal 2004 la rivista Rolling Stone tiene ed aggiorna la lista delle 500 migliori canzoni di sempre. L’elenco originariamente stilato da una giuria di 172 addetti del settore (musicisti, esperti dell’industria discografica e critici musicali) comprende un numero impressionante di hit dagli anni Quaranta fino ai primi anni duemila.
Ci sono pero’ delle eccezioni, canzoni selezionate nonostante non avessero avuto un riscontro commerciale e di pubblico particolarmente lusinghiero.
E’ il caso di “Layala” eseguita da Derek ed i Dominos pubblicata nell’album “Layla and Other Assorted Love Songs”, del 1970.

La canzone si colloca al 27mo posto della lista delle 500 migliori canzoni di ogni tempo. Il brano è caratterizzato da due parti musicali nettamente distinte tra loro, la prima composta da Eric Clapton e caratterizzata dalle chitarre di Clapton e Duane Allman, la seconda composta da Jim Gordon.
Questa caratteristica paradossalmente conferisce un’unità musicale ed una gradevolezza d’ascolto straordinaria.
L’origine del brano è legata alla più classica delle storie d’amore. Nella seconda metà degli Anni Sessanta tra George Harrison ed Eric Clapton si sviluppò un intensa collaborazione professionale che sfociò ben presto in una salda amicizia.
Harrison aveva sposato da poco, nel 1966, la modella Pattie Boyd incontrata durante le riprese di A Hard Day’s Night.

Il loro matrimonio però iniziò ben presto ad incrinarsi. Inizialmente fu il misticismo della religione indiana che Harrison scopri’ nel famoso viaggio in India con i Beatles e le loro compagne e che viveva con un ossessione che Pattie non riusciva a comprendere.
Forse il fatto che diede il colpo finale alla loro unione fu uno dei tanti tradimenti di Harrison, quello che consumò con Maureen Cox, moglie di Ringo Starr e grande amica della Boyd. Da quel momento anche Pattie iniziò a tradire il marito, tra i più celebri flirt della moglie di Harrison devono essere inclusi quelli con Mick Jagger e John Lennon, che da sempre avevano mostrato un certo interesse per quella bella ragazza magra, bionda e sempre sorridente.
E’ in questo contesto che Clapton frequentando Harrison la conosce e se ne innamora. Vuole l’anedottica che Layala sia il tributo d’amore di Clapton per Pattie.
La modella britannica non ispirò soltanto questa canzone, ma la sua turbolenta vita sentimentale con molti artisti della scena degli anni Sessanta e Settanta produssero altre “dediche” famose come ad esempio “Wonderful Tonight”.
La Boyd divorziò da Harrison nel 1977 e sposò Clapton nel 1979, per poi divorziare anche da lui nel 1989 dopo diversi anni di separazione a causa della sua dipendenza dall’alcool e dei suoi continui tradimenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.