Una stella piccola piccola

Le stelle molto piccole sono abbastanza comuni nell’Universo ma è molto difficile individuarle a causa delle loro dimensioni ridotte e della loro scarsa luminosità.
Per questo la scoperta effettuata da un team di ricercatori dell’Università di Cambridge è particolarmente importante. Grazie all’esperimento Wasp nato dalla collaborazione tra le università britanniche di Keele, Warwick, Leicester e St. Andrews per trovare nuovi pianeti esterni al Sistema Solare, a circa 600 anni luce da noi è stata scoperta una stella molto piccola EBLM J0555-57Ab.

Questa stella appena più grande di Saturno e con un campo gravitazionale solo 300 volte maggiore di quello della Terra, ruota intorno ad una compagna gigante ed è stata scoperta grazie al metodo del transito.
Le sue dimensioni sono probabilmente le piu’ piccole possibili per ottenere la pressione interna necessaria ad innescare i processi di fusione nucleare.

Questa tipologia di stelle, come nel caso del sistema di Trappist-1, di cui abbiamo più volte parlato su questo blog, sono le migliori candidate ad ospitare pianeti potenzialmente abitabili e questo è uno dei motivi che rendono la loro scoperta un fatto estremamente significativo nella ricerca di esopianeti con caratteristiche simili alla Terra.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.